Fino al 13 marzo 2016
Roma –  Galleria d’Arte Moderna
Affinità elettive. Da De Chirico a Burri

“Affinità elettive, da De Chirico a Burri” questo il nome della mostra che è stata inaugurata lo scorso 16 dicembre a Roma, presso La Galleria D’arte Moderna di Via Crispi. Affinità è anche quella che si è venuta a creare con la collaborazione tra il museo romano e la collezione parmense della Fondazione Magnani Rocca.  A Marzo, la cosiddetta ‘Villa dei capolavori’, aveva infatti ospitato la mostra ‘Novecento romano’ grazie al contributo della Galleria capitolina. Per l’occasione, invece, la Fondazione ha prestato una selezione di quaranta capolavori accostati a un numero analogo della Galleria d’Arte Moderna.
Proprio con lo spirito e la voglia di promuovere la conoscenza di questo patrimonio del Novecento Italiano ha preso forma l’esposizione romana che muove le fila in un dialogo, più o meno esplicito, tra le opere presenti nelle due raccolte. La mostra, distribuita in sette sale, si concentra su opere dagli anni Venti agli anni Sessanta del Novecento e offre una varietà di spunti per la ricerca di nuove affinità tra artisti. Ad aprire la mostra “l’enigma della partenza” di Giorgio De Chirico al quale vengono affiancate opere di artisti di differenti personalità e di diversi esiti formali e stilistici, che sul suo lavoro hanno profondamente meditato. Confronti più espliciti li possiamo trovare nella sala dove si mostra “spavalda” la donna nuda di Marino Marini, “il Frammento”, che già dal titolo evidenzia la perdita di riferimenti figurativi a favore di un soggetto più semplificato che ben comunica con il dipinto di Carlo Mattioli, dove il corpo della donna sembra nascosto da materia pittorica densa e spessa. I rimandi sono molteplici e vale la pena scoprirli uno ad uno, sala dopo sala, da De Chirico a Burri, anche se per l’esattezza, la mostra si chiude con una sezione di grafiche dedicata alle acqueforti di Giorgio Morandi. Un gioco di confronti, di dialoghi e di affinità molto ben riuscito quello in mostra alla Galleria D’Arte Moderna e visitabile fino al 13 Marzo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui