Come selezionare un valido professionista evitando spiacevoli inconvenienti.  

Facciamo chiarezza sulla professione del medico estetico che, sia per la legge che per regole del buon vivere, non può e non deve essere esercitata da un diplomato in attività paramediche.
Andando in giro per la città non è difficile imbattersi in volti spettrali senza tempo, sguardi vitrei, zigomi e labbra gonfi a dismisura e di forme scomposte.
La scelta del Medico Estetico, pur non rientrando tra le categorie dei medici “salvavita”, è quanto mai importante affinchè un semplice difetto non si tramuti in una caricatura, peggiorando la situazione di partenza.
Innanzitutto bisogna controllare che il professionista abbia conseguito i titoli di studio appropriati.
Il giusto percorso è: laurea in medicina e chirurgia più una specializzazione (privata) in medicina estetica.
Esistono scuole quadriennali di formazione all’esito delle quali il medico è in grado  di svolgere la corretta anamnesi del paziente con visita medica generale e mirata all’inestetismo denunciato dal paziente stesso e di scegliere terapie idonee finalizzate alla prevenzione e/o correzione dell’inestetismo dichiarato.
Ad esempio, per quanto concerne il trattamento della cellulite, l’inestetismo più diffuso e anche più odiato da tutte le donne, è proprio durante la prima visita che il medico decide il trattamento farmacologico più idoneo, dopo aver eseguito una corretta stadiazione della PEFS (denominazione scientifica della cellulite).
Stessa cosa dicasi per le biostimolazioni dermiche del volto, contro l’invecchiamento della pelle e contro le rughe.
E’ solo dopo aver eseguito un check up cutaneo che è possibile fare la diagnosi di biotipo e determinare il grado d’invecchiamento e, successivamente, programmare un piano terapeutico individuando la molecola chimica o quale tecnica strumentale come la radiofrequenza, la carbossiterapia, o IPL (luce pulsata) faccia al nostro caso.
La scelta del professionista è quindi molto delicata.
Dunque, care girasole, attenzione quando vi affidate al medico estetico, controllatene prima  il percorso formativo per non andare incontro a spiacevoli sorprese.

Dott. Stefania Santini  e Dott.  Michele Fontevecchia
Associazione Professionale MISTEA
Via Domenico Chelini 3 ROMA

tel 06 92594365

2 Commenti

  1. Care Girasole,
    attenzione soprattutto ad essere coscienti della provvisorietà…
    La provvisorietà è forza quando la si accetta a viso aperto e la si adotta a criterio di verità delle scelte della vita. Quando ci si accoglie e ci si ama in ogni stagione della vita e si sa essere giovani, adulti e vecchi. Quando si sa trarre da ogni età e condizione il meglio di ciò che può dare. Con verità, saggezza e coraggio. La bellezza artefatta della chirurgia estetica non regge il confronto con le rughe serene e pulite di chi accetta saggiamente e serenamente la sua età.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui