della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

Ah, una tazzina di caffè, piacevole sveglia del mattino, amica della pausa, calda e aromatica. Eppure quella piccola tazzina racchiude una serie di sostanze vicine per proprietà a farmaci veri e propri, a cominciare dalla caffeina che però rappresenta solo il 2% circa di quello che stiamo bevendo. Nel caffè sono presenti infatti varie sostanze (più di 600) che variano a seconda della tostatura e del tipo di preparazione: minerali, precursori vitaminici, ma soprattutto antiossidanti, di cui il caffè è una fonte importante.
Sono più importanti i benefici del caffè o le controindicazioni? Su questo argomento gli esperti si dividono proprio per la ricchezza e la diversità dei suoi componenti che in differenti momenti e/o in diverse psico-tipologie potranno avere effetti assolutamente diversi. Ad esempio, una  o due tazzine di caffè possono provocare tachicardia e nervosismo in persone molto stressate soprattutto a digiuno, altri più tranquilli e pacifici possono berne anche dieci rimanendo calmi, altri ancora si sentiranno più energici e tonici. Ognuno dovrebbe valutare se effettivamente beneficia del caffè, perché è anche una questione di psico-fisiologia: il caffè, così come tanti altri alimenti, potrà avere effetti diversi e contrari in base a chi siamo e a come reagiamo agli stimoli. Alcune delle sostanze presenti hanno una vera e propria attività farmaco-simile, da cui deriverebbero le innumerevoli proprietà: diminuzione del rischio di ammalarsi di diabete e morbo di Parkinson, effetti benefici sulla malattia di Alzheimer. La caffeina è responsabile della stimolazione del sistema nervoso, favorisce la digestione e stimola il metabolismo. Bevuto prima dell’attività sportiva consente di disporre rapidamente dell’energia a nostra disposizione.
Tra i benefici del caffè ci sarebbe quello di aiutare a perdere peso, ma questo può accadere realmente solo in alcune condizioni, seguendo un corretto stile di vita, senza indurre stress e soprattutto se già non si è stressati in modo cronico e non gestito. Inoltre il caffè ha un basso contenuto di calorie, ed è anche un buon soppressore dell’appetito.
Scegliamo un caffè di qualità, possibilmente in grani da macinare al momento, e beviamolo liscio in tazza di vetro o ceramica. E non più di due o tre tazzine al giorno in caso di tachicardia, ansia, nervosismo, ipertensione arteriosa, febbre, allergia al nichel, gastrite, reflusso, colite, insonnia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui