della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

Ogni anno porta con sé novità in tutti i campi generando spesso mode a volte effimere, altre meno. Dal punto di vista alimentare questo sarà l’anno dei nuovi cereali o considerati tali. Di alcuni già se ne è parlato molto nell’ ultimo periodo, la quinoa e il grano saraceno, mentre la palma di novità assoluta sembrerebbe andare all’amaranto.
Dal punto di vista botanico non sono cereali, sono assimilati a questi per la loro composizione nutrizionale e danno origine a farine che vengono usate in cucina. Rispetto ai nostri cereali tradizionali hanno un contenuto proteico maggiore e migliore dal punto di vista qualitativo, hanno un buon contenuto di calcio, ferro e magnesio ed essendo naturalmente privi di glutine sono molto utili per integrare la dieta dei celiaci  e di quelle categorie di persone che hanno bisogni nutrizionali più  elevati come gli sportivi, gli anziani e i bambini.
Di origine asiatica, il grano saraceno fa parte della tradizione culinaria del nord Italia, è ricco di fibre, di polifenoli, di carboidrati solubili in grado di migliorare il controllo glicemico, e un basso contenuto di grassi, simile al  frumento.
La quinoa e l’amaranto sono invece di origine sudamericana, usati nell’antichità dai Maya e dagli Atzechi, la quinoa in particolare possiede un elevato potere antiossidante  e per tale motivo le si attribuiscono particolari proprietà in grado di diminuire il rischio di ammalarsi di alcune patologie .
Dai semi si ottiene una farina dalle ottime capacità emulsionanti e leganti che ben si  presta come ingrediente di varie preparazioni come cereali per la colazione, pasta, dessert ed altro, inoltre possiede un elevato effetto saziante. Attenzione però al loro contenuto in grassi che è più elevato del nostro frumento: amaranto e quinoa ne contengono circa il doppio e anche se in maggioranza si tratta di grassi insaturi, deve essere ben valutato nel bilancio energetico giornaliero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui