della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

Se ne parla facendo la fila alla posta o dal parrucchiere, si raccolgono notizie al volo sull’autobus o mentre si fa la spesa, non si perde occasione per cercare di carpire il segreto sul tipo di dieta seguita dal nostro interlocutore; siamo un paese sempre a dieta o, almeno, diciamo di esserlo. Di sicuro c’è solo che il problema dell’eccesso di peso sta diventando una vera epidemia, a cominciare dai nostri bambini.
Per il resto c’è una dilagante e inopportuna proliferazione di ”esperti”, di ”rimedi miracolosi” dai nomi accattivanti e di fantasiose tecniche di dimagramento ”sololìdoveserve”.
Ma se siamo a dieta, dove sta il problema? E’ che, nonostante questo, gli italiani ingrassano sempre di più. E allora bisogna partire proprio dall’origine… la parola dieta, dal greco significa “stile di vita”. Quindi, per raggiungere o mantenere uno stato di salute, bisogna adottare abitualmente un comportamento e non una rinuncia o una grave restrizione di cibo occasionale finalizzata unicamente alla riduzione del peso corporeo. Le diete così intese sono molte, hanno nomi accattivanti e attirano evocando semplicità e rapida efficacia: dieta del minestrone, della patata, del pompelmo, dell’ananas, del fantino, dissociata ecc ecc.
Sono diete diseducative che non intervengono sul cambiamento dello stile di vita, sulla correzione degli errori, non insegnano a restare in salute con un’alimentazione corretta ma, al contrario, impongono sacrifici e garantiscono solo dei risultati di breve durata, a volte con recupero rapido del peso perduto.
Tra le diverse diete proposte, quelle che ultimamente prevalgono sono ad alto contenuto proteico con una restrizione più o meno spinta di carboidrati. Oltre a rappresentare un grosso rischio per la funzionalità renale, questo regime dietetico, privo di qualunque legame con il nostro contesto tradizionale e culturale, non ha nessuna possibilità di diventare “stile” di alimentazione e venir seguito tutta la vita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui