della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

Alcune zone del nostro cervello, tra le più antiche, sono capaci di produrre in risposta a stimoli particolari, alcune sostanze, le endorfine, capaci di esercitare delle azioni veramente… stupefacenti. Uso questo termine perché le endorfine hanno un effetto simile alle droghe più comuni; agendo sugli stessi recettori attivano moltissimi processi che danno senso di benessere, alleviano il dolore, migliorano l’umore e ci aiutano a fronteggiare stress e tensioni.
Le endorfine, prodotte dall’ipotalamo e dall’ipofisi, sono capaci di influenzare molte dei nostre esperienze più comuni: moderano l’appetito, regolano il sonno, influenzano positivamente l’emotività ed il comportamento aiutandoci ad affrontare la vita di tutti i giorni, liberano gli ormoni sessuali, diminuiscono i livelli di stress e aumentano la soglia di tolleranza al dolore.
Alcuni studi scientifici più accurati hanno dimostrato importanti correlazioni tra endorfine e la risposta immunitaria, il funzionamento delle zone cerebrali deputate alla memoria e all’attività cognitiva e in generale con l’adattamento del nostro corpo agli stimoli e gli insulti dell’ambiente esterno.
Ma cosa possiamo fare per aumentare la produzione delle nostre endorfine?
L’esercizio fisico, anche moderato, è lo stimolo più rapido ed efficace, la massima produzione che si ottiene dopo una seduta sportiva fa subito sentire bene con se stessi e con il mondo che ci circonda. Un’ora di jogging è un’ attività che può diventare irrinunciabile, al limite della dipendenza, per mantenere la propria serenità. Il sesso è un’altra attività rilevante, fare più spesso l’amore, ma anche il contatto fisico frequente, ci aiuta a produrre più endorfine.
Anche alcune pratiche come l’agopuntura e il massaggio, in particolare il linfodrenaggio, ci aiutano attraverso questo meccanismo.
Naturalmente rispondiamo alla comparsa del dolore e agli stress producendo endorfine al fine di alleviare il nostro disagio, è un meccanismo di cui non ci rendiamo conto, ma c’è. Il nostro cervello ci aiuta nei momenti difficili, anche se non ce ne rendiamo pienamente conto nel momento in cui succede.
Infine vi consiglio, a seconda dei vostri gusti e alle dosi che ritenete per voi più opportune, il cioccolato e i cibi piccanti. Essi sono capaci di aiutarci, sempre stimolando le nostre endorfine, a trascorrere qualche minuto di felicità!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui