L’estate è finalmente arrivata e quando lo specchio ci rivela un colorito pallido, siamo immediatamente tentati di correre in un solarium per rimediare. Non dimentichiamo quanto sia importante esporsi ai raggi solari: stimola la serotonina, quindi produce un effetto benefico sulla psiche; stimola la produzione di Vitamina D e agisce come una sorta di azione terapeutica per la dermatite atopica e per la psoriasi.
Tuttavia,  esporsi ai raggi del sole senza precauzioni può diventare pericoloso: rischi di invecchiamento precoce della cute, immunosoppressione (herpes labiale), ma soprattutto tumori della pelle sono diventati sempre più frequenti.
Che si vada in spiaggia o alle “isole Lampados” è necessario attenersi rigidamente ad alcune regole prima di esporsi ai raggi del sole o a quelli artificiali.
I consigli rappresentati in questa pagina sono pertanto solo utili e nient’affatto futili.
La pelle è sempre molto delicata, anche quando appare relativamente scura; è quindi necessario proteggersi dal sole sia al mare che in montagna ma anche quotidianamente in città.
Molte creme da giorno contengono comunque anche una protezione solare perché i raggi del sole negli ultimi decenni sono diventati più aggressivi. In ogni caso, sarà preferibile aggiungere alla crema viso da giorno anche una piccola quantità di protezione alta. In farmacia ne esistono di tutti i prezzi e di tutte le qualità.
L’abbigliamento ideale per i periodi caldi è fatto di fibre naturali, di colore chiaro e possibilmente largo e comodo, poiché il tessuto, aderendo al corpo, stimola maggiore sudorazione.
Prima di esporsi ai raggi è necessario cospargersi il corpo di protezione in quantità abbondante e dopo il bagno oppure anche dopo una bella sudata bisogna ripetere l’operazione, più volte nel corso della giornata.
Non bisogna tralasciare nessuna parte del corpo: anche il collo del piede, che è una parte sempre molto sensibile, é soggetto agli arrossamenti, così come le labbra che è obbligatorio proteggere per prevenire eventuali herpes o fastidiose screpolature.
Ma non basta. Oltre al corpo bisogna proteggere gli occhi. Durante l’esposizione ai raggi artificiali vengono forniti in dotazione dal solarium anche degli occhialini di plastica per proteggere la cornea. Altrettanto è necessario durante l’esposizione ai raggi solari. in alternativa agli occhialini che funzionano solo a occhi chiusi, possiamo indossare occhiali da sole con classe di protezione  3 o 4 e che riportino il simbolo CE.
Non dimenticate, infine, di indossare un cappellino in fibre naturali per proteggere la testa.
Un ultimo consiglio, inoltre: dalle 11 alle 15 tutti sotto l’ombrellone perché è proprio durante questa fascia oraria che si concentrano i due terzi dei raggi UV quotidiani.
Ai genitori, invece, ricordo che è importantissimo proteggere i vostri bambini perché è stato dimostrato che i danni cutanei che si verificano nell’età adulta, derivano da un’irresponsabile esposizione ai raggi solari nei primi 12 anni di vita.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui