della dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.     
Chi deve misurarsi con problemi di celiachia, un vero popolo in piena espansione, sa che i prodotti industriali per celiaci, oltre a  suscitare dubbi sull’effettivo rispetto dei valori nutrizionali, attualmente non ottimali, spesso non sono in grado di soddisfare nemmeno le esigenze del palato.
Dal punto di vista alimentare, la celiachia comporta ancora molti sacrifici e qualche rinuncia di troppo.
Ma, forse, in considerazione del numero crescente di potenziali acquirenti, il mercato ha fiutato l’affare.
L’assortimento  di alimenti gluten-free si è infatti arricchito  di un nuovo prodotto: un pane unico nel  suo genere in quanto di frumento, ma assolutamente privo di glutine. Un pane soffice, tradizionale, prodotto con lievito madre, ma con farina di frumento deglutinata.
L’offerta di alimenti è in aumento, basta fare caso all’ampiezza degli scaffali che la grande distribuzione inizia a dedicare a questo tipo di prodotti,  ma i celiaci aspettano che la ricerca scientifica offra al più presto soluzioni alternative per potersi alimentare più  liberamente e sembra che, entro 2 anni,  potranno essere messi in commercio dei farmaci che permetteranno  un’alimentazione più tradizionale e sana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui