della Dr.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

Cresce sui monti del Molise il Prunus Spinosa Trigno da cui si ricava un potente antitumorale. I Molisani conoscono da tempo questa pianta dalle cui bacche blu ricavano un liquore, il trignolino e ne utilizzano le foglie in aggiunta al tabacco da pipa.

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha effettuato una ricerca sulle sue proprietà antitumorali e i risultati sono così importanti che sono stati presentati in occasione dell’EXPO di Milano il 25 giugno 2015.
L’estratto di Prunus è molto ricco di potenti antiossidanti e, addizionato ad un particolare complesso di aminoacidi, riduce la sopravvivenza delle cellule cancerose: in particolare, aggiunto a cellule tumorali di pazienti con tumore del colon, cervice e polmone, ne ha distrutte dal 70% al 78% nel giro  di 24 ore.

L’ISS vuole iniziare presto la sperimentazione per produrre, in futuro, un nuovo farmaco antitumorale ma intanto, visto che il prodotto non ha effetti tossici, l’estratto miscelato di Prunus è già da tempo in vendita in farmacia e in parafarmacia, come integratore ad un prezzo etico e “democratico”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui