ARROSTO DI VITELLA IN SALSA DI MELE E CAROTE

di Marialuigia De Lucia. 

Questo piatto costituisce un secondo di sicuro successo perché è nutriente ed è a basso contenuto di grassi; la frutta contribuisce a creare una salsa ricca di sapore, ma senza l’aggiunta del dado, quindi senza glutammato o additivi per insaporire, quasi sempre indigesti. Ha inoltre l’indiscutibile pregio di poter essere preparato in anticipo e riscaldato poco prima di essere portato in tavola. Infine, è un piatto abbastanza economico!

Ingredienti per 4 persone.
– Un arrosto scelto di vitella (la parte è comunemente denominata “piccione” e pesa dai 500 ai 750 grammi).
– Due carote, uno scalogno, una costa di sedano con foglie, una mela grande non troppo dolce, due albicocche secche, una prugna secca.
– Mezzo litro di vino bianco (va bene qualunque vino purchè non marsalato).
– Una piccola spolverata di condimento per carni in polvere.
– Olio extra vergine di oliva.
– Sale q.b.

Preparazione: cospargetevi le mani con un pizzico di sale e accarezzate l’arrosto.
Mondate e tagliate a piccoli pezzetti gli ortaggi, gli odori e la frutta.
Oleate con poco olio il fondo della casseruola e fate rosolare l’arrosto sul fondo.
Aggiungete gli ingredienti tagliati a pezzetti e disponeteli sia sotto la carne che sopra, aggiungete un pizzico di condimento per carni in polvere.
Aggiungete ancora un giro di olio extravergine di oliva su tutti gli ingredienti e bagnate tutto con una tazza di vino bianco.
Ponete la casseruola sulla fiamma forte per i primi cinque-dieci minuti di cottura.
Tenete presente che la regola generale dell’arrosto prevede un’ora di cottura per ogni Kg. di carne, quindi regolate i tempi in relazione al peso del vostro arrosto. Se avete la pentola a pressione i tempi sono più che dimezzati.
Trascorsi i primi cinque minuti girate l’arrosto e fate passare altrettanto tempo sul lato ancora crudo. Successivamente abbassate la fiamma e mettete il coperchio sulla casseruola.
Di tanto in tanto controllate la cottura, girate e soprattutto aggiungete il vino bianco, affinchè non si secchi la carne.
Evitate di sfumare col vino poco prima che la cottura sia completi per evitare che il sapore del vino resti separato dal quello degli altri ingredienti, che invece hanno avuto tempo di amalgamarsi tra loro.
La cottura è completa quando, infilato uno stuzzicadenti nella carne, riuscirete ad estrarlo senza forzare.

Una volta cotto, dovete adagiare l’arrosto sul tagliere e farlo a fettine sottili. E’ meglio aspettare qualche minuto, perché a caldo si taglia più difficilmente. Nel frattempo frullate la salsa fino a  renderla una pappetta omogenea. Se è troppo secca, aggiungete una tazzina di acqua fredda.
Ponete le fettine di arrosto su un piatto da portata e condite con la salsina. E’ consigliabile servire a parte il resto del condimento.

Tempi di preparazione complessivi: 10 minuti per la preparazione degli ingredienti a crudo e 40/50 minuti per la cottura. Altri 10 minuti per affettare, frullare il condimento, disporre sul piatto da portata.

Buon appetito!

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui