Un angolo di paradiso nel paradiso! 

di Marialuigia De Lucia. 
La Sardegna rappresenta da sempre una Regione incantata in cui si respira un’aria profumata di mirto, il turchese è il colore dominante che riesce, con le sue sfumature, ad unire il mare al cielo, e l’accoglienza ha un calore profondo e nello stesso tempo discreto.
Suggerirei di passare qui i momenti conclusivi dell’estate per rigenerarsi e anche acquistare le energie giuste per riprendere al meglio i ritmi della propria quotidianita’…
Esiste un tratto di costa incantato, a soli  tre quarti d’ora dall’aeroporto di
Cagliari e al di fuori degli ormai troppo scontati itinerari vip della Costa Smeralda: la Costa Rey, a nord di Cagliari e a sud di  Arbatax, nella zona del Sarrabus.
In questa parte della Sardegna la speculazione edilizia è stata decisamente meno
selvaggia rispetto ad altre aree della stessa regione e, anche in piena estate,
è ancora possibile godere dell’incommensurabile fascino di spiagge deserte e lagune frequentate soltanto dai fenicotteri.
La natura domina ogni suo tratto, scandisce il tempo e le giornate di vera vacanza scorrono lievi, al ritmo delle onde del mare cristallino e di un vento soave.
Tutta la zona è in grado di offrire sistemazioni per ogni tipo di esigenza e per tutte le possibilità: dai
quattro villaggi turistici “full optionals” lungo la costa di Castiadas – Muravera, che  comunque, se prenotati in anticipo, risultano accessibili, fino ai  vari campeggi dotati di ogni confort, e persino alle casette in affitto, discretamente immerse nella vegetazione che domina il panorama ben oltre le spiagge.
La sabbia è sottile e l’acqua del mare tiepida, digrada lentamente verso la profondità, aspetto non trascurabile per i bambini che ancora non sono in grado di nuotare in autonomia, e che in tal modo possono prendere confidenza con il mare senza alcun pericolo.
Non è assolutamente da sottovalutare il fatto che la zona sia strategica per varie escursioni: basta prenotare una gita in gommone o prendere in affitto una semplice bicicletta per godere di calette esclusive così come di scogliere incontaminate quali lo Scoglio di Peppino, l’Isola di Serpentara e Cala Pira.
Non si può concludere la propria vacanza in questa Regione senza dare qualche linea guida per orientarsi tra i mille locali e le altrettanto numerose boutique.
Per chi non disdegna la mondanità, il posto in cui dirigersi è la non distante Villasimius che riesce a  proporre una discreta varietà di divertimenti.
La vicinanza con Cagliari, inoltre, consente di organizzare visite culturali nel caratteristico centro storico della città e di fare divertenti sedute di “shopping
terapia” a prezzi decisamente inferiori rispetto alle grandi città come Roma, Napoli o Milano.
Se non avete deciso sul da farsi, siete ancora in tempo per regalarvi una settimana di fine estate davvero ricca di sfumature e in un’unica parola incantevole!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui