L’ANTICA SPEZIERIA DI TRASTEVERE, UN ITINERARIO INSOLITO 

di Paola De Lucia.  

“A Roma c’è una bellezza oggettiva, sta nelle cose, nelle architetture, nella visibile stratificazione dei secoli e poi c’è una bellezza nascosta, talora invisibile”.

L’incipit “rubato” ad una intervista al Premio Oscar Paolo Sorrentino mi offre l’occasione per parlarvi della più antica Farmacia di Trastevere conosciuta come “L’antica Spezieria di Santa Maria della Scala” che si trova nell’edificio adiacente l’omonima Chiesa, una delle tante, forse troppe, meraviglie romane, costruita trans Tiberim alla fine del XVI sec.
Correva l’anno 1523 quando al primo  piano del Convento dei Padri Carmelitani Scalzi, la cui antichissima e indiscussa esperienza nell’utilizzo delle erbe medicamentose è rinomata ancora oggi, fu aperta la “Spezieria” ad uso esclusivo dei religiosi che, nell’orto prossimo al Convento, coltivavano e trasformavano le piante officinali in utili e apprezzati rimedi contro le più gravi malattie.
Rinomata a Roma come la Farmacia dei Papi, ben presto il buon nome della Spezieria alla Scala si propagò in tutta la città e non solo, tanto che alla fine del ‘600, per combattere la peste e altre epidemie, la Farmacia aprì le proprie porte anche al Popolo Romano che, in quel luogo misterioso e fantastico, trovava varie specialità mediche per il proprio benessere.
La Farmacia, luogo di studio e ricerche secolari, è rimasta attiva a Roma fino alla metà degli anni ’50, distribuendo genuini medicinali a prezzi contenuti e tenendo aperto al pubblico anche un ambulatorio gratuito, per chiudere poi, definitivamente, nel 1978.
Oggi si può visitare solo su prenotazione ed è di una bellezza sconvolgente anche perché conservata benissimo. Si entra in un fantastico mondo antico fatto di preziosi alambicchi di distillazione, di mortai e recipienti di marmo dove venivano conservati i decotti; nel laboratorio galenico e nel frantoio originari, con un po’ di fantasia, riecheggiano ancora i suoni e gli odori degli esperimenti praticati dai frati dell’epoca, mentre gli arredi, le scaffalature, le maioliche colorate, le vetrine e il bancone in legno e marmo risalgono al XVIII sec. ma tutto appare ancora così ben tenuto e disposto come se la Farmacia non avesse mai chiuso ed è, ancora oggi, un insieme di cose preziose di inestimabile valore e bellezza.
Uno dei frati più attivi e celebrato nell’atrio e sulla porta d’ingresso della Spezieria, è stato, senza dubbio, Fra’ Basilio della Concezione, chimico, botanico e farmacista del ‘700, consultato da Re, Cardinali e Papi, noto per i suoi celebri rimedi a base di erbe come l’Acqua contro l’isterismo e l’Acqua della Scala che curava e proteggeva dalla peste.
Tra gli scaffali in legno, è conservato ancora il Trattato delli Semplici un rarissimo erbario catalogato, sembra, dallo stesso Fra’ Basilio che, in questo libro enorme, ha elencato tutte le proprietà delle erbe officinali da lui utilizzate, conservandone anche un esempio essiccato.
Entrando nel laboratorio attiguo al locale adibito alla vendita dei medicinali, si trovano ancora originali macchinari per centrifughe, imbottigliatrici, presse per la spremitura e una pilloliera che trasformava gli impasti in pillole, ma la cosa che più mi ha colpito, tuttavia, è il Vaso della Theriaca, un miscuglio di ingredienti creato dal medico di Nerone, tale Andromaco il Vecchio, e composto da 57 elementi diversi fra loro e ancora oggi sconosciuti, tra i quali la carne di vipera maschio, considerata un infallibile antidoto contro i veleni che utilizzava lo stesso imperatore romano e che è stata usata fino alla metà del ‘900, allorquando si sono estinti i raccoglitori di vipere vive.
Che ne dite….ho solleticato a sufficienza la vostra curiosità per invogliarvi a visitare un luogo veramente fantastico e di una bellezza unica anche se fuori dai canonici itinerari romani?
Andateci e non ve ne pentirete!

 

1 commento

  1. Sicuramente ci andrò!
    Mi ha veramente entusiasmato il tuo racconto… ricco di particolari!
    Non conoscevo…..questa bellissima, rarissima ed affascinante “perla” nel cuore di Roma!!!!!
    Grazie per avercene parlato!!!!
    Splendide anche le fotografie!!!!
    BRAVISSIMA PAOLA!
    Liviana

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui