Premetto che non sono un “addetto a i lavori” quindi visitare la Biennale per me era solo una semplice curiosità. Invece vi assicuro che merita l’attenzione che le attribuiscono perché è molto interessante anche per chi, come me, non ci capisce nulla di arte in genere, architettura, progettistica, impianti e grandi opere di ingegneria.

La Biennale si tiene all’Arsenale di Venezia. E’ una manifestazione culturale nata nel 1895 e quindi tra le più antiche e prestigiose in Italia. Promuove le tendenze artistiche nei vari settori (musica, teatro, danza, cinema, arte e architettura). Anche la visita all’Arsenale è risultata particolarmente interessante. Quando si va a Venezia per divertimento o per lavoro non si ha mai tempo di visitare posti non particolarmente turistici. Quindi, come molti di voi, avrò visto decine di volte il ponte di Rialto sul Canal Grande e altrettante volte la piazza San Marco ma ai Giardini dell’Arsenale non avevo mai avuto occasione di andare.

L’Arsenale è la sede della Biennale e nasce come il centro dell’industria navale di Venezia nel XII secolo, il periodo più florido della vita della Serenissima che, grazie alle enormi navi qui costruite conquistò le rotte del Nord Europa. Il problema di Venezia sono i collegamenti. Ultimamente un biglietto per il vaporetto costa 6 euro, anche per fare una sola fermata. Di conseguenza a Venezia è preferibile girare a piedi, anche per avere la possibilità di imparare a muoversi attraverso i vicoletti che costituiscono delle valide scorciatoie. Vi assicuro che non vi perderete perché troverete sempre le indicazioni per Piazza San Marco, Rialto e la Ferrovia. Sono questi i punti principali della città. Quindi fissatevi bene su una cartina le località che vorrete visitare e vedrete che si trovano sicuramente vicino ad uno di questi tre punti.

Se avete fame vi suggerisco di andare a mangiare al 1251 (San Polo 1251, te. 041-5286473). Il proprietario si chiama Francesco ed è nativo di Amalfi. Vi proporrà ottime ricette a base di pesce. Da non perdere le melanzane alla parmigiana. Ottimo il rapporto qualità prezzo.

Per dormire, invece, vi suggerisco il B&B Ca’ del Forno. E’ una bellissima casa di una nota famiglia veneziana. Le stanze sono comode e molto ben arredate e trovare posto non è facile perché le camere a disposizione sono solo tre, ognuna con bagno privato. La Signora Maria Grazia, la titolare, vi saprà prendere per la gola. La mattina, nel salone magnificamente apparecchiato, troverete alcune specialità di dolci appena sfornati da farvi leccare i baffi. La casa ospita anche una Scuola di cucina, con lezioni su richiesta. Il B&B è situato a poche centinaia di metri dal ponte di Rialto ma la fermata del vaporetto è quella di San Silvestro.

B&B Ca’ del Forno – San Polo 1421/A Venezia – Tel. 041-5237024 – 348-6627650.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui