QUALI SONO GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE DEL CONTRIBUENTE CHE RICEVE UN AVVISO D’ACCERTAMENTO? 
Gli strumenti di difesa azionabili dal contribuente che riceve un avviso d’accertamento dall’Agenzia delle Entrate, come già rappresentato nel precedente articolo IL FISCO PER L’ESTATE  sono cinque.
Analizziamo il quarto: accertamento con adesione art. 6, comma 2, del  D. lgs. n.218/1997. 
Il contribuente se non definisce per intero l’accertamento (come previsto nel Fisco per l’estate 1) e non presenta  ricorso o istanza di reclamo- mediazione, può presentare istanza di accertamento con adesione. Ciò gli consente di instaurare un contraddittorio con l’Ufficio in cui sono valutati gli elementi e i dati forniti dal contribuente per ridurre la pretesa erariale.

Anche nel caso di adesione è prevista la riduzione a un terzo delle sanzioni. L’istanza di accertamento con adesione può essere presentata pure se sono state definite le sole sanzioni (come esplicitato nel Fisco per l’estate 2).
L’istanza viene inviata all’Ufficio entro il termine per presentare ricorso che viene sospeso per 90 giorni dalla data di presentazione dell’istanza. Se il contribuente presenta ricorso, automaticamente rinuncia all’adesione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui