Con la cartella esattoriale si comunica al cittadino-contribuente che è tenuto a versare all’Erario una data somma di denaro. La cartella costituisce titolo esecutivo ed atto di precetto e può essere o un atto della riscossione di imposte già accertate con un precedente atto, o iil primo provvedimento formale con il quale si contesta una violazione al contribuente e si procede al recupero delle maggiori imposte (come nei controlli formali delle dichiarazioni, o multe o tributi).
COSA DEVE CONTENERE LA CARTELLA ESATTORIALE
Nella prima pagina della Cartella ci sono i dati anagrafici del cittadino-contribuente debitore e i dati dell’agente della riscossione che l’ha emessa, comprensiva degli orari di apertura degli sportelli al pubblico.
Vi sono descritti, inoltre, i dettagli degli importi dovuti e i diritti di notifica spettanti al concessionario della riscossione, il totale delle somme da pagare, il termine di scadenza e la modalità di pagamento, le conseguenze in caso di ritardato o omesso pagamento, la rateizzazione degli importi e la possibilità di agire in autotutela oppure di proporre ricorso avverso l’iscrizione a ruolo.
Nelle pagine successive viene specificato quanto riportato nella prima pagina: denominazione dell’ente creditore-impositore, nominativi di eventuali coobligati al pagamento della cartella, descrizione del debito, maggiorazioni, spese, compensi di riscossione e nominativo del responsabile del procedimento. Precisazioni: a pena di nullità deve contenere l’indicazione del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e notificazione della stessa. E’ obbligatoria, inoltre, la data in cui il ruolo è stato reso esecutivo e, quando essa costituisce il primo atto con cui l’amministrazione chiede il pagamento di un’ imposta o di una sanzione, la motivazione.
La prima cosa da fare quando arriva una cartella esattoriale è decifrare il codice tributo e l’annualità a cui si riferisce perché solo attraverso la decodifica di tale numero si può conoscere il motivo per il quale l’iscrizione a ruolo è stata effettuata. Se il codice tributo si riferisce a una sanzione amministrativa per infrazione al Codice della Strada (multa non pagata) è necessario verificare immediatamente l’eventuale pagamento effettuato. Se la cartella si riferisce a un codice tributo di una dichiarazione dei redditi, solo attraverso il raffronto tra la cartella e la dichiarazione dei redditi dell’anno di imposta riportato si può comprendere il motivo dell’emissione del ruolo.

COSA FARE QUANDO LA CARTELLA ESATTORIALE E’ SBAGLIATA
La cartella contiene l’intimazione ad adempiere entro 60 giorni dalla notifica, ma prima di procedere al pagamento è opportuno verificare se esistono errori e nel caso vengano riscontrati, due sono le possibilità: l’istanza di autotutela da proporre allo stesso organo che ha emesso l’atto e la proposizione del ricorso dinanzi alla Commissione Tributaria Provinciale. La presentazione dell’istanza di autotutela non sospende la decorrenza del termine per ricorrere, che rimane sempre quello di 60 giorni dalla notifica della cartella. I due rimedi non sono alternativi, e quindi si può far ricorso ad entrambi. E’ ovvio che se l’atto viene annullato in autotutela vengono meno i motivi del ricorso. Si consiglia prima di presentare ricorso di attendere il decorso dei 30 giorni entro i quali l’Ufficio a cui è stata presentata l’istanza deve pronunciarsi. Si fa presente che l’istanza di autotutela e la proposizione del ricorso non sospendono l’esecutività della cartella che deve comunque essere pagata entro i 60 giorni dalla notifica, e decorso inutilmente questo termine sulle somme iscritte a ruolo si applicano, a partire dalla data della notifica e fino al pagamento, gli interessi di mora. E’ possibile tuttavia chiedere la sospensione della cartella all’organo che l’ha emessa o alla Commissione Tributaria.

PER SAPERNE DI PIU’:
www.gruppoequitalia.it/equitalia/cartelladipagamento
www.agenziaentrate.gov.it/cartelladipagamento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui