di Stefano Orsi  

Vorei tornasse tutto ar proprio posto, 
vorei tornasse tutto come prima, 
magara n’dietro pure per un giorno, 
si se potesse fà io ci aritorno. 
Si qualche dùno,  su a lì piani arti, de primo acchito me dicesse: 
“ascòrta, te và de fa n’accordo, aprì nà porta!
De tre, tu ne poi sceje solo una,
senza dové chiede aiuto alla fortuna, 
perché la dea bendata n’centra gnente,
sceji: passato, futuro o presente”?
De quello che sarà nun me n’teressa, pe’ me er futuro é solo nà parola
 e der presente vivo alla giornata.
Sta carta me la spizzo n’sò cretino, vojo aritornà n’dietro, tornà bambino.
Vojo aritornà n’dietro, tornà a quer giorno, a quanno ce l’avevo tutti n’torno
e li pensieri n’erano de casa.
Perché er passato é er tempo più sicuro, é annato, é ito come se dice a Roma
ed é er vissuto, quello più mportante, che te dimostrerà che omo sei,
se porterai nà gonna o i pantaloni,
insomma se lì sotto c’hai i cojoni.
Femmina o maschio nun fà differenza,
er tempo andato l’amo avuto tutti,
co li momenti belli e quelli brutti.
C’è chi l’ha consumato e s’è aricchito
e chi pe scerte assurde indebitato,
chi l’ha trattato male e l’ha deriso, portanno ancora i segni su quer viso.
Tutto stà lì in tutto ciò ché stato,
pe’ questo hai da fa i conti cor passato.
Perciò, se sei n’bravo cristiano o n’irrequieto,
lo devi solamente ar tempo n’dietro.
E si pe’ certe cose, mò, nun c’hai le palle,
te devi solo da guardà alle spalle,
p’e questo n’c’è futuro nè presente,
se i giorni andati n’sò contati gnente.
Si é vero c’uno more e poi rinasce,
quando toccherà a me starò più attento
a nu rifà li sbaji c’ho già fatto
 e quanno io sarò lì, n’do sta San Pietro,
saluterò er monno senza vortamme n’dietro.

1 commento

  1. Nessuno è staccato dal proprio passato, nessuno si muove in questo mondo come se fosse figlio di nessuno. Oggi dimenticare e guardare sempre e solo avanti, tradendo con disinvoltura la fedeltà del ricordo, è un comportamento troppo diffuso, quasi una moda. Non solo, ma ci si vanta di questa scelta di apparente ed esibita autonomia. Tutto questo, certo, fa parte della frenesia in cui siamo immersi, che ci impone un certo stile di vita per così dire infedele.
    E già….tornare bambino.
    Solo un bambino, abituato a guardare dal basso verso l’alto, riesce a vedere, prima che venga la notte, la pallida presenza della luna già alta in un cielo ancora luminoso. I grandi, preoccupati dalle molte cose “importanti” da fare, corrono, vanno, vengono, senza riuscire a raggiungere, alla fine, il cuore delle cose, delle persone, della vita… Bravissimo, Stefano!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui