C’era una volta… Chi?  Cosa?

Con il titolo del suo libro “Un bambino chiamato “cosa” Dave Pelzer ha messo insieme i due termini.

Nelle favole i protagonisti, di solito, sono animali pensanti e parlanti che si comportano come persone e rappresentano con le loro azioni i vizi e le virtù degli uomini.

Chi legge è un bambino, l’essere rispettoso coraggioso obbediente fidato che può diventare “cosa” quando è maltrattato violato sfruttato ferito seviziato abusato.

Di “bambinicosa” se ne incontrano tanti intorno a noi, ma facciamo finta di non vederli e la loro vita è esistenza e non favola.

Il personaggio del racconto diventa la vittima preferita della madre: botte, niente cibo, ferite da coltello, bruciature e tanto altro ancora.

C’è anche un padre, ma è alcolizzato debole e assente.

Il “bambinocosa” non racconta a nessuno ciò che subisce, anzi crede di meritarsi tutto quello che soffre perché è un bambino cattivo: è questo ciò che crede di essere e nessuno può aiutarlo.

Ma… nelle favole c’è sempre la fata buona che sconfigge il cattivo e… tutti vissero felici e contenti.

La nostra Fata Turchina? La Convenzione Internazionale dei Diritti dell’Infanzia grazie alla quale “i bambini hanno diritto a nome, nazionalità, famiglia, alimentazione, cure, casa, gioco, istruzione, educazione alla comprensione, alla tolleranza, alla pace e alla solidarietà, protezione dall’abbandono, dalla crudeltà, dallo sfruttamento”.

La favola è stata riscritta.

“C’era una volta un bambino felice, coraggioso, rispettoso, altruista, sognatore.

Viveva in una famiglia dove, grazie alla presenza amorevole del babbo e della mamma, ha imparato che lo spirito, il coraggio e la bontà possono sempre trionfare.

Lo sguardo è sereno, i suoi occhi sono puri, senza cancellature, senza raschiatura. Vive felice e contento e tutti lo amano”.

E non c’è niente di più bello intorno a noi di uno sguardo puro di bimbo e nulla di più triste di occhi spenti.

Le finestre sono aperte, ma la casa è vuota.

Un “bambinotesoro” vive un presente luminoso e avrà certamente un futuro ancora più splendente.

Intorno a lui sempre ci saranno:
“Gocce di luce nella notte, fiammelle guizzanti nel ghiaccio, sentimenti vittoriosi della fragilità dell’esistere”.

Dave Pelzer, Un bambino chiamato “cosa”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui