di Mario Pappagallo e Umberto Veronesi  

Storia-Fede. 
Maschilismo-Femminismo. 
Persone-Oggetti. 
Amore-Erotismo. 
Di cosa vogliamo parlare? 
Intanto sembra che non si possa prescindere dall’esistenza degli opposti. 
Se  esiste la luce, è pur vero che esiste il buio; 
se esiste il bianco, esiste il nero; 
se esiste Dio, esiste inevitabilmente l’angelo perduto; 
se c’è  l’uomo, c’è anche la donna. 
Perché è cosi?  Vogliamo trovare, e possiamo realmente  trovare, il principio? Ne abbiamo davvero  bisogno?
Potremmo lasciare i punti di domanda  ed arrenderci di fronte all’idea di non cercare le risposte.
Siamo gente comune  e ci basta solo  nutrirci, camminare, amare, oppure no?
In ogni caso  una domanda  la pongo volentieri:  perché  “L’eredità di Eva” di Veronesi e Pappagallo?
Perché si parla di donne,  rispondo,  di bellezza, di salute, di sterilità, di trasgressione e di  tanto altro  ancora.
Interessante, vero?
Attraverso il dipinto di tante donne, tanto antiche, Sara, Rebecca, Rachele, Elisabetta, Dalila, Debora e ancora e ancora fino alle due donne che più di tutte hanno caratterizzato l’universo femminile, Maria, la madre, e Maddalena, la peccatrice, i due autori ci stimolano a porci domande, e  la nostra esistenza diventa una bella avventura  di “ricerca di risposte”.
Spero di aver solleticato la vostra curiosità. Potreste obiettarmi che potrebbe essere interessante saperne di più del libro ma ritengo che sia estremamente riduttivo raccontare la trama di un libro.
Personalmente ho bisogno solo di uno stimolo, tutto ciò che ne consegue  voglio farlo autonomamente: comprare il libro, leggerlo, pormi domande, cercare e forse trovare risposte.
Sicuramente, con l’intelligenza e con la sensibilità, con la forza e con quel pizzico di coraggio che caratterizza LeGiraSole,  saprete trovare meglio di me il senso del libro che vi propongo.
La ricerca delle risposte è dentro ciascuno di noi. Basta solo capire in quale direzione andare e, a quel punto, farsi semplicemente trasportare dalle emozioni che ogni libro è in grado di suscitare.
E, come direbbe Ezio Raimondi: benvenuti nel club dei libridinosi!

Per saperne di più:
http://www.sperling.it/l-eredita-di-eva-mario-pappagallo-umberto-veronesi/

Maria Silvia Basilicata

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui