Stiamo parlando di quegli insetti piccoli di colore grigio argentato che tutti abbiamo incontrato dentro le nostre case per terra, negli angoli, sul soffitto, nei palchettoni, nelle vasche da bagno intrappolati o nelle librerie, soprattutto al buio, il cui nome scientifico è Lepisma Saccharina e che sembra abbia una vita lunghissima, addirittura dai 2 agli 8 anni.

Questi piccoli insetti, innocui anche se fastidiosi, si nutrono di sostanze che contengono amido e saccarina e perciò sono ghiotti di carta da parati, libri, quadri, francobolli, ma anche di cotone, seta, lino e pelle.

Ci sono alcuni rimedi per dissuadere la loro presenza nelle case, in maniera costante e durevole nel tempo.

Possiamo anche lavare i pavimenti con l’ammoniaca diluita perché ha un odore che provoca fastidio ai nostri ospiti indesiderati.

Inoltre, altri piccoli rimedi da attuare con estrema facilità sono i seguenti:

  • una spruzzatina di olio essenziale di menta e/o citronella negli angoli e nei palchettoni;
  • sacchetti di chiodi di garofano e rosmarino da cambiare ogni 5-6 mesi nei cassetti e negli armadi;
  • foglie di alloro nei libri;
  • sacchetti di lavanda.

Giova in ogni caso areare spesso le nostre stanze, oppure azionare un deumidificatore sia perché proliferano in ambienti umidi, sia perché a temperature che superino i 25-30 gradi questi ospiti indesiderati si riproducono con un centinaio di uova a ogni deposizione.

Peraltro, alcuni studi recenti hanno portato alla luce le abitudini sessuali/riproduttive di questa specie così comune di insetti. Il rito dell’accoppiamento prevede infatti che il maschio e la femmina corrano in cerchio, che il maschio deponga una capsula gelatinosa dall’aspetto simile ad una ragnatela che contiene lo sperma e che la femmina la raccolga dando così luogo ad una sorta di “inseminazione indiretta”.

Lo so, state pensando che la natura sia in grado di proporre riti sessuali decisamente più emozionanti, ma la conoscenza di tutti gli aspetti che contraddistinguono la vita di questi insettini può aiutare a trovare metodi naturali e non cruenti, per dissuaderne la moltiplicazione ed evitare che vengano infestati gli ambienti in cui viviamo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui