di Marialuigia De Lucia. 

Il “ragno porta guadagno”, dice un proverbio popolare, ma se ciò fosse vero molti di noi sarebbero già miliardari!!
In questo periodo dell’anno, infatti, se aguzzate la vista su davanzali, tetti e muri, non potrete fare a meno di notare schiere di minuscoli ragnetti rossi, grandi qualche millimetro, che passeggiano numerosi sulle superfici.
Il nome scientifico è “Balastium Murorum”, più comunemente conosciuto come ragnetto rosso da muro e appartiene alla famiglia degli acari, cugini dei ragni.
Vive alimentandosi di escrementi di uccelli, depone le uova nelle crepe dei muri e si concede un comodo relax letargico invernale, per ritirarsi nuovamente quando scoppia il gran caldo.
Questi aracnidi amanti della primavera non amano né le temperature troppo decise, né l’umidità, ed ecco il motivo per cui scompaiono spontaneamente in piena estate.
Precisiamo, tuttavia, che sono innocui per la salute dell’uomo, a parte il fatto che possono macchiare vestiti e superfici con il loro colore scarlatto intenso e che, comunque, per via della loro alimentazione, è sempre meglio evitarne il contatto diretto da parte di donne in gravidanza e bambini.
Tuttavia, è inutile accanirsi contro questi piccoli animaletti usando insetticidi chimici.
Per chi volesse trovare un rimedio naturale, sarà sufficiente bollire uno spicchio di aglio nell’acqua, filtrarla e nebulizzarla sulle superfici infestate, oppure, poiché questi ragnetti non amano l’umidità, limitarsi a nebulizzare acqua si davanzali e muri interessati dai piccoli visitatori.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui